Cos’è il testamento pubblico?

Il testamento pubblico è un atto ricevuto da un notaio in presenza di due testimoni.

Il testatore dichiara innanzi al notaio e ai testimoni la sua volontà che verrà riportata testualmente nell’atto dal notaio stesso.

Il testamento pubblico dovrà:

  • essere letto dal notaio in presenza dei testimoni;
  • contenere anche l’indicazione del luogo, della data e dell’ora della sottoscrizione;
  • essere sottoscritto dal testatore.

Se il testatore è impossibilitato a sottoscrivere il testamento, il notaio è chiamato ad adottare particolari formalità previste per legge. La dichiarazione di volontà orale del testatore comporta per il notaio la necessità di accertarne l’identità personale e la capacità di esprimere una valida volontà.

Il testamento pubblico offre dei vantaggi:

  • massima sicurezza dal punto di vista dell’esattezza giuridica delle disposizioni in esso contenute;
  • può essere disposto da tutti, anche da chi non sa o non può scrivere;
  • è sottoposto all’accertamento della effettiva volontà del testatore.

Il ruolo del notaio nel testamento pubblico

Il notaio è una figura esperta del diritto delle successioni che può fornire informazioni utili sia sulle regole generali sia sui singoli casi concreti. Ad avvenuto decesso del testatore, previa registrazione del testamento pubblico, il notaio potrà fornire all’”erede nominato” e/o al legatario le specifiche inerenti alle regole ereditarie applicabili.

Per avere informazioni o una consulenza per la redazione di un testamento pubblico è opportuno rivolgersi al notaio ed è possibile inviare un’email ai nostri indirizzi indicati in calce.

Condividi su:Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn