Che cos’è il testamento olografo?

Il testamento olografo è un documento, in forma privata, con il quale il testatore, senza l’utilizzo di formule sacramentali, scrive a mano le sue ultime volontà disponendo dei propri beni a far data dalla sua morte, momento di apertura della successione.

Per essere valido deve rispettare tre requisiti e precisamente deve essere:

  • scritto a mano dal testatore
  • datato
  • sottoscritto

Il testamento è nullo se viene scritto a macchina in quanto l’autografia è un requisito di validità perché consente di stabilire l’autenticità del documento.

Il testamento olografo può essere scritto su qualsiasi pezzo di carta di qualsiasi qualità, dimensione e colore; non è necessario che sia proprio carta, può essere stoffa, legno o altro materiale sufficientemente durevole.

Colui che riceve i beni del defunto prende il nome di erede universale, in quanto chiamato a succedere nell’universalità dei beni; gli eredi possono essere uno o più di uno.

In presenza di un testamento la successione si chiama testamentaria; con il testamento il testatore può disporre liberamente dei propri beni facendo salvi i diritti dei legittimari (coniuge, figli e ascendenti).

In mancanza di un testamento, quando il testatore non nomina un erede, si parla invece di successione legittima e l’eredità si devolve secondo regole indicate dalla legge sulla base del rapporto di parentela tra il defunto e gli eredi.

Il testamento olografo può essere conservato personalmente oppure consegnato in custodia a persona di fiducia; se da un lato presenta il vantaggio della comodità e della segretezza, poiché rimangono segreti sia il contenuto del testo sia il fatto del compimento dell’atto, dall’altro presenta alcuni svantaggi. Il testamento olografo, infatti, può essere soppresso, alterato o smarrito e in alcuni casi potrebbe essere soggetto ad impugnazione da chi abbia interesse a dimostrare che si tratta di un testamento falso ovvero che il testatore era incapace di intendere o volere al momento della redazione della scheda testamentaria. Inoltre spesso, di fronte a testamenti olografi, si riscontrano difficoltà interpretative delle disposizioni testamentarie, non essendo redatto da un tecnico del diritto.

Il ruolo del notaio nel testamento olografo

Il notaio è un professionista esperto nel diritto delle successioni e può fornire assistenza legale per la corretta redazione del testamento olografo e per la soluzione dei singoli casi. Può quindi essere opportuno rivolgersi al notaio per avere informazioni prima di redigere la scheda testamentaria al fine di avere certezza che il testamento abbia tutti i requisiti di validità e che le volontà testamentarie non siano contrarie alla legge.

In ogni caso, dopo la morte del testatore, chiunque vi abbia interesse (quindi non necessariamente l’erede), deve consegnare il testamento olografo ad un notaio per la sua pubblicazione.

Per avere informazioni o una consulenza per la redazione di un testamento olografo è opportuno rivolgersi al notaio ed è possibile inviare un’email ai nostri indirizzi indicati in calce.

Condividi su:Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin